Aspirazione e pulizia

La carica elettrostatica può essere considerata un problema da eliminare per consentire un migliore processo produttivo oppure, se generata da un apposito caricatore, una risorsa per rendere possibili operazioni che altrimenti sarebbero ottenibili, solo attraverso complicate soluzioni meccaniche tradizionali. In entrambi i casi, la giusta scelta del prodotto aiuta a ridurre i tempi di lavorazione apportando in taluni casi, un miglioramento qualitativo al prodotto finito.

I sistemi antistatici si dividono in PASSIVI e ATTIVI : i primi (le spazzole antistatiche) funzionano senza alimentazione , “attirando” l’energia elettrostatica dal materiale per poi scaricarla verso massa , gli “attivi” invece sono caratterizzati da un alimentatore , possono sia eliminare la carica elettrostatica con un effluvio ionizzante, che generarne una temporanea per ottenere effetti transitori di adesione, necessari in alcuni processi produttivi.

Opzioni di Ricerca

 
Testo da ricercare
Pagina  1
Questo sito utilizza cookies. Per saperne di più: Privacy Policy

Utilizzando questo sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Per revocare il consenso è sufficiente cancellare i cookies di dominio dal browser